Leggende

di Mercoledì, 23 Aprile 2014
Immagine libri

Leggende del Comune di Torcegno

‘L RE DEI BÈRTI
Al maso dei Bèrti, che è un maso di Torcegno, viveva una volta una famiglia di vecchietti, povera gente. Era inverno, ed erano tutti l( vicino al focolare che parlavano. Fuori era notte, nevicava, era freddo. Ad un tratto sentono battere alla porta. «Chi è?»
«Sono un viandante e volevo domandarvi se per questa notte potete darmi da dormire».
«Venite avanti, venite avanti», dicono quelli di dentro: e aprono la porta. Si presenta un uomo di un bel portamento, con un gran mantello nero sulle spalle, un berretto di lana sulla testa.
« Venite, venite vicino al focolare», dice la vecchietta. «Penso che abbiate freddo, sarete bagnato».
Allora quello va vicino al focolare, si siede, si mettono a chiacchierare.
«Da dove venite?», dice la donna.
«Da tanto lontano ».
«Avete cenato?»
«Oh, cenato! Finora non ho messo in bocca niente».
«Bene, » dice, «avete una faccia da galantuomo, mi ispirate fiducia e qualcosa c’è anche per voi. Anche se siamo povera gente, e abbiamo debiti, perché non abbiamo soldi per pagare le tasse. Per tirare avanti abbiamo ucciso un vitello nei giorni scorsi, ma non l’abbiamo denunciato, perché altrimenti non ci rimane niente, ce lo mangiano le tasse. Abbiamo fatto un buon brodo per tirarci su, e una scodella c’è anche per voi».
«Lo berrei proprio volentieri, ne avrei bisogno».
«Bene, ve lo preparo».
Il viandante prende la scodella di legno piena di brodo fumante e pian piano lo beve.
«Mi raccomando però,» dice la vecchietta, «non dite niente a nessuno, perché se ci prendono stiamo freschi!»
«Abbiate fiducia in me; non dico niente a nessuno. Volevo domandarle, buona donna: potete darmi anche da dormire per questa notte?
perché non saprei proprio dove andare».
« Camere noi non ne abbiamo, ma abbiamo una bella soffitta con un mucchio di fieno; vi fate giù un buco e dormite pacifico».
Bisogna pensare che la scala per andare in soffitta partiva dalla cucina; e li, sulla soffitta, dormivano tutti.
Il viandante saluta e va a dormire.
La mattina seguente, presto, si alza, arriva in cucina e trova la vecchietta che aveva già preparato una bella scodella di latte caldo. Lui lo beve di gusto e prima di partire le dice:
«Ascoltate, so bene che non è un granché, ma vi lascio qua questo...».
E le mette sulla tavola un soldo d’oro. I due vecchietti non avevano mai visto prima di allora un soldo d’oro.
Si salutano e il viandante va.
Il giorno seguente si presenta al maso il daziere e va diritto dai due vecchi etti. Ed essi prendono uno spavento quando lo vedono arrivare: « Vedrai», pensano, «che qualcuno è andato a fare la spia per il vitello che abbiamo ucciso».
Invece il daziere dice:
«Guardate che non avete pii niente da pagare. E stato tutto messo a posto».
«Come mai?», dicono i due vecchietti, che non erano proprio capaci di capire.
«S’è presentato da me un signore che hà pagato tutto», dice il daziere.
Di lì a poco si è saputa la verità: quel signore, che era stato da loro, altro non era che il figlio di Francesco Giuseppe, Rodolfo, che, come si sa, amava andare tra la gente del suo regno senza farsi riconoscere, a vedere come stava, come viveva.
Da quel giorno il vecchietto del maso, proprio per il fatto successo, lo hanno soprannominato «il re dei Bèrti».#
‘L RE DEI BÈRTI 
Al maso dei Bèrti, che l’è ‘n maso de Torzegno, viveva na volta na familia de veciòti, pora zente. L’era inverno, e i era tuti là vezin al fogolaro che i se la contava. De fora l’era note, ‘1 fiocava, l’era fredo. Manamàn i sente bater ala porta.«Chi èlo?»
«Son ‘n viandante e voleva domandarghe se per stanote podé darme de dormir ».
«Vegné avanti, vegné avanti», i dir quei de rento, e i vèrze la porta. Se presenta ‘n òmo de ‘n bel portamento, co na gran mantèla mora sule spale, na bareta de lana sula testa.
« Vegné, vegné vezin al fogolaro, » la dir la veciòta, « penso che gaveré fredo, saré bagnà ».
Alora ‘1 va vezin al fogolaro, ‘I se senta zo, i se mete a ciacerar.
«De ‘ndove vegnéo pò?», la dir ela.
« De tanto lontan ».
«Avéo zenà?»
« Oh, zenà! Fin ader no ò messo ‘n boca gnente-no ».
« Ben, » la dir, « gavé la facia de ‘n galanììomo, me dé fiducia e qualcòr gh’è anca per voe. Anca se sen pora zente, e gaven debiti, perché no gavén soldi de pagar le stéore-no. Per tirar avanti aven copà ‘n vedèlo sti df, ma no l’avén denuncià-no, perché sinò no ne resta gnente-no, le ne lo magna fora le stéore. Aven fato ‘n bon brò per tirarne su, e na scudèla ‘n ghe n’è anca per vée».
« ‘L beverfa propio volentiera, gaverfa bisogno».
« Ben, ve ‘1 preparo».
‘L viandante ‘1 ciàpa la scudèla de legno piena de bré che fumava e pian pianòto ‘1 lo beve.
« Me racomando però, » la dir la veciòta, « no sté dirghe gnente a nissuni-no, perché se i ne ciàpa sten freschi!
«Gavé fiducia ‘n mi; no ghe digo gnente a nissuni-no. Voleva domandarghe, béna dòna: podéo darme anca de dormir per sta note?
perché no saverfa propio ‘ndo nar-no «Camere noaltri no ‘n ghe n’avén-no, ma gavén na bela tèza co na
mòta de fen; ve fé zo ‘n buso e dormf pacifico».
Bison pensar che la scala per nar sula tèza la marciava dela cosina; e là, sula tèza, i dormiva tuti.
‘L viandante ‘1 saluda e ‘1 va ‘n dormir. 
Ala matina drio, bonora, ‘1 leva su, ‘1 riva ‘n cosina e ‘1 trova la veciòta che l’aveva za preparà na bela scudèla de late caldo. Elo ‘1 lo beve de gusto e prima de marciar ‘1 ghe dir:
«Scolté, so ben che no l’è ‘n gran che-no, ma ve lasso qua questo...».
E ‘1 ga messo sula tàola ‘n soldo de oro. I do veciòti no i aveva mai visto prima de alora ‘n soldo de oro.
I s’à saludài e ‘I viandante l’è nà.
‘L di drio riva al maso ‘1 daziaro e ‘1 va drito dei do veciòti. E bn i ciapa na stremia quande che i lo vede rivar: «Te ‘darè», i pensa, «che qualcheduni i è nài a far la spia pel vedèlo che avén copà ».
E ‘nveze ‘1 daziaro ‘1 ghe dir:
« Vardé che no gavé pu gnente de pagar-no. è stà tuto messo a posto».
«Come mai?», i dir i do veciòti, che propio no i era boni de capir-no.
« S’à presentà de mi ‘n sior che l’à pagà tuto », ‘1 dir ‘1 daziaro.
De là a ‘n poco è vegnesto fora la verità: sto sior, che era stà de bn, altro no l’era che ‘1 fi6bo de Francesco Giuseppe, Rodolfo, che, come se sa, ghe piaseva nar fra la zente del sò regno senza farse cognosser, a véder come che la stà, come che la vive.
De quel di al veciòto del maso, propio per ‘1 fato che è sucesso, i ga ciamà de soranome « ‘I re dei Bèrti ».

LE STREGHE DELLA ILBA
Quelle croci che ci sono di traverso su da noi, su per la Vai della Ilba e alle «Làite», sopra le Prése, fanno da confine per le streghe; dopo il Concilio (di Trento) sono state confinate da là in su. Avevano la dimora al Sassorotto, e mi hanno riferito che li’ dentro avevano oggetti di cucina, attrezzatura di rame (secchi, marmitte),...
Queste streghe andavano in giro su qua per queste montagne quando c’erano temporali: non si lasciavano sfuggire. l’occasione dei temporali.
I nostri vecchi ci raccontavano che una volta uno è andato su in montagna e ha lasciato andare le bestie nei pressi della croce della Ilba, ed è scoppiato un temporale. Allora continuava a chiamare la giovane manza: «Vieni “Pomàti”, vieni!,» continuava, «vieni!». Allora gli rispondeva questo campanellino, che veniva sempre pit avanti.
Ad un tratto s’è messo con le mani aperte davanti alla croce e ha sentito: «Se tu non fossi dove ti trovi, diventeresti un grano di miglio» (saresti annientato).
Ed era una strega; l’aveva vista alla luce improvvisa d’un lampo. 
LE STRIE DELA ILBA
Quele crose che gh’è su qua de traverso, su per la Ilba e ale Làite, sora le Prése, l’è ‘I confin dele strfe; dopo ‘1 Concilio le è stàe confinae de là ‘n su.Le gaveva la casa al crozzo del Sassoròto, e i m’à dito che dentro là le gaveva roba de cosina, atrezzi de ramo (seci, ramine),...
Ste strie le neva ‘n giro su qua per ste montagne quande che gh’era temporai: coi temporai propio le ghe tegneva.
I ne contava i vecioti che na volta uno l’è nà live su e l’à molà i animai su ala crose dela Ilba, e è vegnesto ‘n temporale. Alora ‘1 ciamava la manzota: «Vèi Pomàti, vèi!,» ‘I sitava, «vèi! ». Alora ghe rispondeva sto campaneloto, che ‘1 vegneva sempre pu ‘nvanti.
Manaman ‘1 s’à metri cole man verte devanti dela crose e l’à sentii: «Se no te fussi ‘ndo che te si-no, te vegnerissì ‘n gran de méio».
E l’era na stria; ‘1 l’aveva vista a ‘n colpo de lustro.